mercoledì, febbraio 08, 2017

 

Le regole

La risposta a quest'affermazione in Italia è molto spesso del tipo, eh chi se ne frega. Siamo fatti così, poco disciplinati, noncuranti delle regole, specialmente se le dobbiamo rispettare noi. Se qualcun altro lo fa e a noi da fastidio (per esempio vicino di casa che fracassa fino a mezzanotte) chiediamo ad alta voce che siano rispettate. In poche parole, ci piacciono le regole flessibili. Questo è in chiaro contrasto con la parola disciplina che prevede il rispetto dei dettami. Poca disciplina e tanta fantasia per giustificare la mancanza della prima. Così nasce la creatività italiana. Sono le cose che entrano nei geni e a volte danno i risultati straordinari sui vari campi dell'operatività umana; nell'arte, nella tecnica, nei piatti di cucina. Ecco le duo cose opposte che si bilanciano, pertanto la nostra fama nel mondo è duplice, buona e cattiva.

Il fenomeno non rispettoso è diffuso in tutte i porri della società, partendo da un singolo individuo, magari un impiegato della pubblica amministrazione che non sempre timbra da solo, arrivando ai vertici politici dello stato. Il nostro primo ministro ha dichiarato qualche giorno fa che noi rispettiamo le regole (pensava a quelle europee) ma non possiamo accettare che loro rallentino la nostra crescita. Le parole non erano proprio queste, ma il concetto è corretto. Ecco una prova come siamo fatti; siamo molto flessibili e molto bravi a parole. Se gli si faceva notare questa contradizione all'interno di una frase molto breve, né sono sicuro che dava una spiegazione molto creativa, all'italiana. Però...

Però, siamo andati oltre ogni limite. La mancanza di rispetto delle regole ci a portato sull'orlo di una voragine. Spero che nessuno dirà che dovremmo fare un passo in avanti. Un fatto culturale, diventato quasi genetico, e molto difficile curare. Specialmente è difficoltoso sanare una cosa che non è nella tua conoscenza. In effetti noi ancora non siamo riusciti a capire cosa ci a portato al ciglio del crepaccio. La maggior parte di quelli che danno colpa all'Europa e all'euro, pensa veramente così. Ci sono anche quelli che capiscono bene il problema, ma non hanno alcuna convenienza di risolverlo, o almeno di provare. La loro posizione in un sistema ipocrite è buona e invidiabile dalla maggioranza delle persone. Perché allora dovrebbero combattere il sistema che gli ha portato al successo?

Sento la nostra dirigenza lamentarsi per l'austerità imposta dall'Unione Europea. Qui apro una parentesi. Noi siamo parte di quella unione e le regole le abbiamo create e firmate anche noi, perciò è poco corretto (ma conveniente politicamente guardando) parlare in terza persona. Perché è conveniente per loro? Perché ci vuole sempre un nemico verso il quale indirizzare la rabbia delle masse. Un buon nemico, interno o esterno, era uno delle pietre fondamentali dei vari fascismi e comunismi. Noi ne sappiamo qualcosa su entrambi. Il primo lo abbiamo inventato noi e con l'altro abbiamo flirtato cosi tanto che anche esso ci è entrato nei geni.

Quelli politici proprio sfacciati semplicemente danno la colpa all'Europa senza alcuna argomentazione; a gente già piace così. Quelli che vogliono sembrare più seri (non dico che lo sono), provano anche a dare qualche argomentazione. La stretta sulla politica monetaria non ci permette di indebitarsi ulteriormente e noi quel ulteriore debito lo useremmo per rilanciare l'economia e l'occupazione. Cavolo, sei già indebitato fino al collo e vorresti aumentare ulteriormente il debito? Ci potrebbe anche stare, ma la storia ci insegna che i nostri indebitamenti non sono mai stati produttivi. Vedi per esempio i miliardi investiti nelle opere iniziate e mai finite e le spese assistenzialistiche, specialmente al sud. E loro vorrebbero tornare alla lira! La nostra lira è stata sempre una valuta debole. Se non avessimo avuto l'euro 15 anni fa, oggi probabilmente saremmo già da tempo in bancarotta.

Noi che abbiamo un mutuo da restituire sappiamo benissimo quale è la differenza tra un tasso di interesse del 3% e del 7%. Con la lira avremmo quest'ultimo e il debito sarebbe sicuramente oltre 150% del prodotto interno lordo, soltanto per questa ragione. Tenete conto che Renzi, anche con le strette imposte è riuscito a spendere nostri 10 miliardi per comprarsi i voti per le europee. Pensate un po' quanto spenderebbero senza qualcuno che li sorveglia. Vi ricordate nel passato interi paese che hanno votato un certo partito e che tutti erano in pensione, anche a 40 anni di età. Ecco perché noi domani le pensione forse le vedremmo e forse no, chi sa? Ieri il parlamento ha protetto i debitori del MPS dalla divulgazione dei loro nomi. Ci mettono le mani nelle tasche e noi non abbiamo nemmeno il diritto di sapere a che vanno i nostri soldi. Ho visto ieri che i romeni (va bene anche rumeni) sono riusciti con la loro protesta durata qualche giorno, far cambiare un decreto al governo. Bravi! Ma noi non abbiamo voglia di farlo, ci sta bene così.

Ultimamente si parla molto anche di Donald. Alla maggiore parte non sta bene. Ho sentito un commentatore qualche giorno fa esprimere un giudizio sul provvedimento riguardante il blocco degli immigranti da alcuni paesi musulmani. Diceva più o meno cosi. "Gli devo dare il merito di rispettare le promesse agli elettori in campagna elettorale. Ma in campagna si dice di tutto e io pensavo che lui moderasse le sue azioni." In altre parole, non doveva fare quello che ha promesso, per accontentare quelli che non l'hanno votato. Un ragionamento del tutto italiano. Complimenti!




<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?