martedì, luglio 05, 2016

 

Coraggio

La fortuna segue i coraggiosi, ho sentito dire molte volte le persone più sagge di me. Mi riferisco all'uscita della nostra nazionale di calcio contro la Germania, qualche giorno fa, nei quarti dei Campionati Europei 2016.

Concettualmente condivido i giudizi dati alla nostra squadra. Si è visto impegno, la corsa, il desiderio da vincere e di andare avanti. Mancanza dei fuoriclasse e non proprio altissimo livello tecnico sono stati sostituiti dal collettivo. Il calcio è un gioco collettivo e questa componente è del primissima importanza. Tutti siamo stati testimoni all'impresa dell'Islanda che è arrivata ai quarti proprio grazie al concetto della collettività. Qui vorrei soltanto sottolineare che hanno vinto 2:1 nel secondo tempo contro la Francia. Sui rigori salto le uniche discussioni che si sono aperte. Ne ho visto tanti europei, mondiali e competizioni per i club: tante partite sono finite ai rigori e l'esito era sempre incerto. E' una lotteria, un caso. Ma noi potevamo, forse, vincere prima.

Tono un attimo indietro, alla partita Croazia - Portogallo, svoltasi due giorni prima. La Croazia, per me, era una delle squadri migliori della competizione. La citata partita era una delle più noiose che ho visto. La Croazia non era se stessa. Non si giocava, non si provava nemmeno a fare un'azione ragionata per arrivare al gol. Sembrava che tutti avevano i piedi legati, oppure che gli è stato impostato una schema tattico troppo prudente che non gli permetteva di osare. Questo se sentiva anche nelle azioni dei singoli che non mostravano nemmeno una parte delle qualità che hanno messo in evidenza nelle partite precedenti. Ed allenatore? Niente! Lui ha diretto la strategia e la tattica, basandosi sugli schemi precedentemente vincenti, ma limitando la libertà dei giocatori. Ha semplicemente trascurato il fatto che il buon gioco mostrato nelle prime partite era il risultato della libertà dei giocatori di lasciare la propria posizione, di giocare una palle diversa di esprimere la propria creatività. Arrivati i supplementari non ha cambiato niente, lasciando gli stessi protagonisti nel campo. Finalmente, ma troppo tardi, 10 minuti prima della fine, ha messo dentro Pjaca. Da quel momento La Croazia è tornata ad essere una grande squadra. In pochi minuti 3 occasioni ed un palo. E, vero, hanno preso un gol, quello risolutivo. Ma se questo succedeva all'inizio, avevano tutti i tempi e tutti i mezzi di risalire.

Ma questo cosa c'entra con l'Italia? E' successa la stessa cosa. Mancanza di coraggio. Paura di cambiare qualcosa perché potrebbe andare peggio. Ma cosa poteva andare peggio? Siamo entrati nei supplementari con Eder e Sturaro che non camminavano più e Conte aveva a disposizione ancora due cambi. La cosa più logica era togliere Eder e mettere Insigne. Quest'ultimo ha giocato poco in precedenza, ma si è distinto particolarmente con l'impegno e la bravura. Credo che molti l'abbiano pensato come me in qui momenti. Alla fine Conte ha fatto questo cambio, ma troppo tardi. Comunque per pochi minuti di presenza, Insigne ha cambiato il volto della nazionale; hanno visto tutti.

Adesso ci piangiamo un po' adesso e malediciamo la mala sorte. Vi ricordate gli anni bui della Germania? Verso gli anni novanta perdevano da tutti. Hanno capito, hanno cambiato le cose e sono tornati tra le più grandi. La federazione ha fatto un po' di provvedimenti. Hanno obbligato i club di lavorare con i giovani e di fargli giocare e hanno limitato il numero degli stranieri nelle squadre della Bundesliga. Non possiamo fare una cosa simile anche noi? Nel nostro campionato vedo tanti stranieri mediocri e sono sicuro che riusciamo a trovare senza problemi i loro pari, ma italiani. E così forse si scopre che qualcuno, avendo una vera occasione, è un po' più di un giocatore mediocre. Forse si scopre anche qualche fuoriclasse che ci manca. Ma non dimentichiamoci del buono di questo campionato: la collettività.



Finalmente è stato svelato il segreto del successo dell'Islanda: che calcia fuori campo deve andare a recuperare la palla.

This page is powered by Blogger. Isn't yours?